il setting

L’intervento dello psicologo e dello psicoterapeuta può accadere in forma individuale, familiare, in coppia, in gruppo, con audio-registrazione oppure con video-registrazione.

Partendo dalla fine: si video-registra obbligatoriamente quando si lavora in psicologia giuridica oppure al fine di studiare come migliorare la performance dello psicologo psicoterapeuta; si audio-registra quando il cliente deve ri-ascoltare il colloquio per modificare più velocemente e radicalmente le sue credenze.

Il setting individuale consiste nell’incontrarsi assieme da soli psicologo e cliente.

Il setting familiare o in coppia avviene quando lo psicologo incontra una famiglia o una coppia, chiaramente modificando la durata del tempo previsto per il setting individuale.

Il setting in gruppo richiede che siano state selezionate le persone che possiedono la medesima criticità o sofferenza da risolvere, il che non è affatto semplice poiché molti disturbi della mente si presentano in comorbilità ossia “mescolati” a altri problemi emotivi/comportamentali.

Infine, i luoghi dell’intervento sono l’ambulatorio di psicoterapia [in presenza oppure online], la struttura di ricovero, la casa del cliente oppure la scuola oppure la sede sportiva, l’azienda o l’ufficio.

La CBT prevede estrema flessibilità nel setting: la stessa persona può essere trattata in alcuni periodi in forma individuale, in altri periodi in coppia, alcune volte da casa e altre volte in ambulatiorio, ecc.

La regola aurea è sempre la tutela della privacy il che significa che lo psicologo non può condividere negli incontri allargati ciò che è stato rivelato negli incontri individuali, e per i partecipanti al gruppo vale il non portare fuori dal gruppo ciò che è stato condiviso lì.